Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

L’Alta corte di Seul depone la presidente Park. Scontri nelle piazze

La Corte Costituzionale della Corea del Sud ha confermato all'unanimità l'impeachment della presidente sudcoreana, Park Geun-Hye. Tafferugli nelle piazze: due morti e diversi feriti
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La Corte Costituzionale ha confermato all’unanimità l’impeachment della presidente sudcoreana, Park Geun-Hye, che è stata definitivamente destituita. Persa l’immunità , Park dovrà rispondere del colossale sistema di corruzione e tangenti, messo in piedi dalla una sua fidata consigliera, Choi Soon-sil, detta la sciamana.

Alla notizia della “deposizione” i sostenitori di Park sono immediatamente scesi in piazza e i tafferugli avrebbero provocato due morti e numerosi feriti.  Le nuove elezioni presidenziali si terranno entro 60 giorni. Al centro dello scandalo, i suoi rapporti con la consigliera Choi Soon-sil che avrebbe orchestrato un sistema di corruzione e tangenti

Primo presidente donna della Corea del Sud, Park è la figlia primogenita dell’ex dittatore, Park Chung-Hee, che governo’ con il pugno di ferro il Paese per 18 anni fino al suo assassinio nel 1979: ha trascorso un’infanzia dorata nella Casa Blu, la presidenza sud-coreana, mentre il padre guidava la metamorfosi economica della Corea del Sud e l’intera famiglia Park veniva considerata alla stregua di una stirpe reale. E la giovane era appunto la “principessa”, un soprannome che l’ha seguita per anni. La morte di entrambi i genitori, negli anni ’70, entrambi morti nel giro di cinque anni appena, le avvicino’ ancora di piu’ le simpatie del connazionali. La madre fu assassinata nel 1974 da un attivista che si pensa agisse per conto di Pyongyang. Cinque anni dopo, nel 1979, fu ucciso il padre, dal responsabile dei suoi servizi segreti; e fu negli anni successivi alla morte della madre, che la Park si lascio’ avvicinare da quello che fu per anni il suo mentore, Choi Tae-Min, un ambiguo personaggio fondatore di una setta religiosa, la ‘Chiesa della vita eterna’ e il cui ruolo nella vita di Park è passato, alla sua morte, alla figlia, Choi Soon-sil. Park mantenne un basso profilo per un ventennio fino quando nel 1998 decise di presentarsi come deputata e fu eletta; divenne immediatamente la star dei coreani conservatori più anziani, che vedevano in lei le qualità di leadership del padre. E la Park, mai sposata e senza figlia, che ha sempre detto di voler dedicare tutta se stessa al bene del Paese, ha goduto di una popolarità stellare fino a quando non e’ stata travolta dallo scandalo attuale.

Ultime News

Articoli Correlati