Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Svolta della Procura: «Cucchi è morto a causa di un pestaggio»

Contestato a tre carabinieri il reato di omicidio preterintenzionale
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

A otto anni dalla morte di Stefano Cucchi, il geometra di 32 anni deceduto il 22 ottobre del 2009 all’ospedale Pertini, sei giorni dopo essere finito in manette per droga, la Procura di Roma chiude la cosiddetta inchiesta-bis contestando il reato di omicidio preteritenzionale a tre dei carabinieri che lo arrestarono. 

A questi tre militari, per lungo tempo indagati per lesioni personali, si aggiungono anche altri due che devono rispondere del reato di calunnia (rispetto all’originaria ipotesi di falsa testimonianza) e di falso nel verbale di arresto. Secondo quanto concluso dal pm Giovanni Musarò e dal Procuratore Giuseppe Pignatone, di omicidio preterintenzionale devono rispondere i carabinieri Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro e Francesco Tedesco. A loro è attribuito il pestaggio di Cucchi “con schiaffi, calci e pugni”, provocando con “una rovinosa caduta con impatto al suolo della regione sacrale” lesioni guaribili in almeno 180 giorni e in parte esiti permanenti, che poi hanno portato alla morte. Falso e calunnia sono contestati a Tedesco e il maresciallo Roberto Mandolini (che comandava la stazione Appia dove nella notte tra il 15 e il 16 ottobre del 2009 venne fatto l’arresto) e, solo per il secondo reato, al carabiniere Vincenzo Nicolardi.

Il reato di falso in atto pubblico è legato al verbale di arresto in cui si “attestava falsamente” che Cucchi era stato identificato attraverso le impronte digitali e il fotosegnalamento: circostanza che per i magistrati non è vera ma ha rappresentato la ragione del pestaggio di Cucchi, ritenuto “non collaborativo all’operazione”. Mandolini e Tedesco, poi, non avrebbero verbalizzato la resistenza opposta dal geometra nella stazione dei carabinieri dove venne portato per il fotosegnalamento, e avrebbero “attestato falsamente” che Cucchi non aveva voluto nominare un difensore di fiducia. La calunnia, invece, è legata alla varie testimonianze rese al processo svoltosi in corte d’assise dove erano imputati tre agenti della polizia penitenziaria, poi assolti con sentenza definitiva: Tedesco Mandolini e Nicolardi, “affermando il falso in merito a quanto accaduto nella notte tra il 15 e il 16 ottobre 2009″ li accusavano implicitamente, pur “sapendoli innocenti”, delle botte inflitte al detenuto.

“Quello che voglio dire a tutti è che bisogna avere fiducia nella giustizia. E resistere”. Così Ilaria Cucchi commenta  la richiesta del Pm di Roma che contesta il reato di omicidio preterintenzionale a tre dei carabinieri che arrestarono Stefano Cucchi, il geometra di 32 anni deceduto il 22 ottobre del 2009 all’ospedale Pertini, sei giorni dopo essere finito in manette per droga.  “Sono commossa. Sono otto anni nei quali abbiamo dovuto ingoiare tanti bocconi amari, ma abbiamo resistito. Ora abbiamo finalmente davanti la verità: si parla di omicidio e di tutto il resto. Bene! Andremo avanti!”

“Ci sono voluti sette anni ma ce l’abbiamo fatta. Sono emozionato, felice. Credo sia un messaggio importante per tutti: quando si sa di essere dalla parte del giusto, bisogna resistere, resistere, resistere e la verità pria o poi viene fuori”. Lo ha detto l’avvocato Fabio Anselmo, legale della famiglia Cucchi, dopo la decisione della Procura di Roma di contestare l’omicidio preterintenzionale a tre carabinieri. “Ringrazio di cuore la famiglia Cucchi per la fiducia concessami. E ringrazio il procuratore Pignatone e gli investigatori per la bravura ad indagare a 360. – ha aggiunto il legale – Ora faremo i conti in un’aula giudiziaria, di fronte la Corte d’Assise. Grazie a tutti”.

Ultime News

Articoli Correlati