Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Gentiloni presenta la squadra di governo

Molti ministeri rimangono invariati. Orlando rimane alla Giustizia. Novità Alfano agli Esteri e Minniti all'Interno e Valeria Fedeli all'Istruzione
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Paolo Gentiloni ha presentato il suo nuovo governo, con Maria Elena Boschi sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Ministri senza portafoglio

Anna Finocchiaro – Rapporti col parlamento
Marianna Madia – Semplificazione
Enrico Costa -Affari Regionali
Carlo de Vincenti – Mezzogiorno
Luca Lotti – Sport

Ministri con portafoglio

Angelino Alfano – Esteri
Marco Minniti – Interno
Andrea Orlando – Giustizia
Roberta Pinotti – Difesa
Pier Carlo Padoan – Economia
Carlo Calenda – Sviluppo
Maurizio Martina – Politiche agricole
Gianluca Galletti – Ambiente
Graziano Delrio – Infrastrutture
Giuliano Poletti – Lavoro
Valeria Fedeli – Istruzione
Dario Franceschini – Cultura

“Non mi nascondo, ci sono difficoltà”, ma “lavoreremo con forza e ottimismo”.  Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. La squadra rimane, almeno per quanto riguarda i ministeri con portafoglio, sostanzialmente invariata rispetto a quella del governo Renzi. Angelino Alfano si sposta al ministero dell’Interno a quello degli Esteri, entra invece Valeria Fedeli all’Istruzione, al posto di Stefania Giannini.

Valeria Fedeli è stata eletta come capolista per il Pd in Toscana. È vicepresidente del Senato, dopo essere stata candidata come capolista in Toscana ed eletta senatrice per la prima volta alle elezioni del 24 e 25 febbraio. Nata a Treviglio (Bg) il 29 luglio 1949, Fedeli è cresciuta in provincia. Finite le scuole si è trasferita a Milano per conseguire il diploma di laurea in Scienze Sociali, presso Unsas. In quegli anni incontra il movimento studentesco, il femminismo e poi la Cgil. Inizia l’attività sindacale nel consiglio dei delegati del comune di Milano, in rappresentanza delle insegnanti di scuola materna. Alla fine degli anni ’70 il primo incarico in Cgil, nella categoria che organizzava i dipendenti degli enti locali e della sanità, sempre a Milano. Poi dal 1982 si trasferisce a Roma per assumere incarichi nelle segreterie prima del pubblico impiego e poi del tessile. È stata segretaria generale della Filtea, la categoria tessile della Cgil, dal 2000 al 2010. Dal 2010 al 2012, a seguito dell’unificazione delle categorie dei tessili e dei chimici ed energia, diventa vice segretaria della Filctem. Dal 2001 al 2012 è stata anche presidente del sindacato tessile europeo (FSE:THC). Dal 2012 vicepresidente del sindacato europeo dell’industria di nuova costituzione che ha unificato in un’unica categoria, i lavoratori metalmeccanici, chimici e tessili. Ha contribuito con Bersani, ministro dello Sviluppo economico, alla definizione delle linee guida di politica industriale per la competitività e l’internazionalizzazione del Sistema produttivo della moda italiana. Ha partecipato al Tavolo per lo sviluppo del Made in Italy dello stesso Ministero, difendendo l’idea che qualità e diritti sono le componenti su cui puntare per vincere la sfida globale. Ha fatto parte della delegazione per il negoziato sulle nuove regole del commercio internazionale, il Doha Round nel 2003. In sede europea, ha operato per le politiche commerciali di reciprocità, di equità e di apertura nel dialogo tra Unione Europea e Cina ed ho contribuito alle politiche per il contrasto alla contraffazione delle merci.

Ultime News

Articoli Correlati