Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

L'indagine infinita. Dopo 38 anni rispunta via Gradoli

I membri di palazzo san Macuto vogliono sapere chi di loro è disponibile a fornire il proprio profilo genetico per effettuare delle indagini comparative su alcuni reperti. Convocati anche alcuni membri dell'esecutivo brigatista dell'epoca, come il semilibero Mario Moretti
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Da alcuni giorni gli uffici Digos della maggiori città italiane stanno convocando molti ex brigatisti su mandato della commissione parlamentare che indaga ancora, dopo quasi 39 anni, sul rapimento e la morte di Moro.I commissari di san Macuto vogliono sapere chi di loro è disponibile a fornire il proprio profilo genetico per effettuare delle indagini comparative su alcuni reperti: molto probabilmente si tratta di quelli rinvenuti nella base di via Gradoli, nella Fiat 128 giardinetta con targa diplomatica che la mattina del 16 marzo bloccò in via Fani l'auto di Moro e della scorta e delle tracce ematiche e di alcuni bossoli rinvenuti nella Renault 4 rossa, dove il presidente della Dc venne ucciso, trasportato e fatto ritrovare in via Caetani, a metà strada tra i palazzi della Dc e del Pci che lo avevano decretato morto dopo le sue prime lettere.Non tutti i nomi che fino ad ora sono trapelati risultano coinvolti nelle inchieste che in passato hanno riguardato il rapimento e l'uccisione del leader democristiano. Tra questi ci sono Giovanni Senzani e Paolo Baschieri, il che fa pensare al tentativo di dare vita ad una pista toscana. Sono stati convocati anche alcuni membri dell'esecutivo brigatista dell'epoca, come il semilibero Mario Moretti; l'autista della 132 che caricò Moro in via Fani, Bruno Seghetti; Barbara Balzerani che il 16 marzo controllava la parte inferiore di via Fani; il responsabile della tipografia di via Pio Foà, Enrico Triaca, arrestato una settimana dopo il 9 maggio 1978 e torturato la sera stessa dal professor De Tormentis, quel Nicola Ciocia, funzionario dell'Ucigos, esperto di waterboarding, la tortura dell'acqua e sale, a cui nessuno chiederà mai il profilo del dna.Pare che il presidente della Commissione Giuseppe Fioroni confidi molto nelle indagini scientifiche. Almeno così dichiara in pubblico. Eppure stando ai risultati prodotti dalla sua commissione non sembra proprio. Nella relazione sul primo anno di attività, il lavoro svolto dalla polizia scientifica e dallo Servizio centrale antiterrorismo non è stato tenuto in grande considerazione. La ricostruzione tridimensionale dell'attacco brigatista in via Fani, i nuovi studi balistici sugli spari avvenuti quel giorno, non sono stati apprezzati dalla stragrande maggioranza dei commissari, che hanno ritenuto il lavoro dei poliziotti troppo "filobrigatista". Risuonano ancora i commenti sorpresi di fronte alle relazioni dei funzionari Giannini, Tintisona e Boffi: «Ma state confermando la ricostruzione fatta dalle Brigate rosse! ». Sergio Flamigni, il grande vecchio della dietrologia, non riesce a trattenere la stizza per un errore così infantile a suo avviso commesso dalla Commissione, come quello di aver chiesto nuovi accertamenti; lui che è rimasto affezionato ad un'unica perizia, la prima, quella di Ugolini, la più incerta e inesatta di tutte, la perizia "cieca" per definizione perché fatta quando ancora non erano state recuperate le armi impiegate in via Fani, e dunque la più manipolabile, quella che meglio si addice alle invenzioni dietrologiche del "superkiller" e dello "sparatore da destra".In via Gradoli la Commissione non ha trovato tracce biologiche di Moro, con buona pace di chi ha sostenuto (e sostiene ancora) che fosse stato tenuto almeno per un periodo in quella base, ma ha isolato quattro profili di dna: due femminili e due maschili. Non è un mistero che in quella che fu la prima casa delle Br a Roma, hanno risieduto stabilmente almeno tre coppie di militanti: Carla Maria Brioschi e Franco Bonisoli all'inizio, Adriana Faranda e Valerio Morucci dopo, Barbara Balzerani e Mario Moretti fino al 18 aprile 1978. Nella 128 con targa diplomatica vennero trovati ben 39 mozziconi di sigaretta. I responsabili del Ris che hanno in carico le analisi dovranno scoprire chi furono i fumatori: i proprietari effettivi del mezzo rubato dai brigatisti e/o i brigatisti stessi? Quali e quanti? L'informazione, ammesso che giunga, comunque non ci dirà nulla di certo sulla mattina del 16 marzo, perché quel mezzo venne usato nelle settimane precedenti. Il dna non ha data e ora.E dunque a cosa serve tutto questo dispendio di energie e soldi pubblici (l'estrazione del dna e la sua comparazione è una procedura di laboratorio che costa molto) quando sulla vicenda Moro si continua a non vedere la storia politica di quella vicenda, le ragioni che spinsero Dc e Pci a rifiutare la trattativa? Forse più che cercare nuovi brigatisti, con il dna qualcuno sogna in cuor suo di trovare il non brigatista.Fioroni, che ha auspicato «un contributo alla corretta ricostruzione dei fatti» anche da parte di chi è stato condannato, non troverà la disponibilità degli ex militanti, i più hanno già declinato la richiesta. Perché mai dovrebbero accettare? Nella relazione del dicembre scorso, la Commissione ha dovuto riconoscere, foto alla mano, che nessuna moto sparò al testimone Marini, che il suo parabrezza non venne colpito da proiettili ma si ruppe nei giorni precedenti per una caduta del motorino dal cavalletto. Non risulta che Fioroni abbia chiesto alla procura di Roma di attivare la revisione della condanna per tentato omicidio, emessa contro gli imputati del primo processo Moro. Da oltre un anno pende una richiesta di audizione di Enrico Triaca e di Nicola Ciocia per la vicenda delle torture, ma il presidente Fioroni fa ostruzionismo e provocatoriamente manda a chiamare Triaca per chiedergli il dna. Forse vorrà scoprire in quale caserma venne torturato la notte del 17 maggio 1978?Questa commissione ha ripetutamente dimostrato di non possedere alcuna credibilità, nei due anni che ha avuto per guadagnarsela ha dato spazio solo ai peggiori cialtroni. Per chi dovesse nutrire ancora delle aspettative, vale quanto scrisse Mario Moretti lo scorso anno in risposta ad una missiva inviatagli dal presidente Fioroni: «Esauriti definitivamente da decenni tutti gli aspetti giudiziari – sebbene la mia prigionia perduri da oltre 34 anni, in mancanza di decisioni liberatorie e conclusive doverose nell'ambito politico – la vicenda delle Brigate rosse appartiene ormai solo alla riflessione storica.  [..] In un ambito storico-politico e con quanti si sono accostati all'argomento con onesta intellettuale, la mia disponibilità è stata sempre totale.  [?] Per contro, mi sento estraneo e a disagio nell'ambito delle ricostruzioni faziose che hanno la loro giustificazione solo nell'interesse politico di chi pensa di trarne vantaggio».

Ultime News

Articoli Correlati