Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Affaire Davigo, spunta il Colle

Le parole del presidente dell'Anm hanno irritato anche il presidente della Repubblica che ha parlato per bocca di Legnini
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo le accelerate dei giorni scorsi, il premier Renzi frena e cerca di gettare acqua sul fuoco che sta divampando tra politica e magistratura. Il premier ha prima smentito i retroscena che lo volevano furioso col presidente dell’Anm Piercamillo Davigo dopo la sua intervista al Corsera, e nella tarda mattinata di oggi ha giurato amore eterno ai magistrati: "Tutti i giorni – ha detto – leggo polemiche tra politici e magistrati. Un film già visto per troppi anni. Personalmente ammiro i moltissimi magistrati che cercano di fare bene il loro dovere. E anche i moltissimi politici che provano a fare altrettanto". E ancora: "Il rapporto tra politici e magistrati deve essere molto semplice: il politico rispetta i magistrati e aspetta le sentenze. Il magistrato applica la legge e condanna i colpevoli. Io rispetto i magistrati e aspetto le sentenze. Buon lavoro a tutti", conclude il premier.Insomma, Renzi abbassa i toni anche perché sa che le parole di Davigo hanno irritato una parte stessa della magistratura – a partire da Cantone, trattato da Davigo come amico del “Palazzo” – e il presidente della Repubblica Mattarella. Impensabile infatti che le parole del vicepresidente del Csm Legnini ( “Davigo alimenta il conflitto”) non fossero state concordate con l’inquilinio del Colle che, “incidentalmente”, è anche il presidente del Csm.

Ultime News

Articoli Correlati