Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

La “propaganda fredda” di Putin: «Al mio segnale scatenate l’inverno…»

Lo spot diffuso dal Cremlino per spaventare l'Europa a corto di gas risulta vagamente ridicolo, come spesso accade per la propaganda di guerra
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

L’inverno è da sempre un formidabile alleato della Russia, la sua morsa ha stritolato le ambizioni di Napoleone Bonaparte e di Adolf Hitler, tanto per citarne due. L’ha salvata da nemici accaniti e conquistatori avidi, proteggendo le sue città e forgiando la tempra dei suoi abitanti. Al punto di meritarsi l’appellativo di “generale inverno”, coniato dal maresciallo francese Michel Ney dopo la disastrosa campagna napoleonica del 1812, lo stesso “generale” che più un secolo dopo ha fatto a pezzi la Sesta armata guidata da Friederick Von Paulus, segnando l’inizio della fine del Terzo Reich.

Ma non ci sono più le stagioni di una volta: nella visione neo-imperiale dello “zar” Putin l’inverno non è più un baluardo naturale per difendere la patria dagli invasori, un bonario custode dell’integrità territoriale russa; al contrario è diventato uno strumento di aggressione e di manipolazione dell’opinione pubblica occidentale. Con effetti quantomeno grotteschi come testimonia lo spot diffuso da Russia Today all’indomani dell’annuncio della sospensione di forniture all’Europa tramite il gasdotto Nord Stream 1. Un video di pochi minuti a firma Gazprom dal titolo minaccioso: “L’inverno sarà lungo e gelido”.

Sullo sfondo musicale di una malinconica e autoctona ballad scorrono le immagini delle città europee, ignare della piccola apocalisse che le aspetta da qui a poche settimane, alternate ai potenti sbuffi delle ciminiere dei gasdotti russi che pompano gas h24 nelle vene della nazione. Il video si conclude con una nuvola bianca e ovviamente gonfia di gelo siberiano che avvolge il lungosenna di Parigi e le altre capitali dell’Ue.

Trascurando gli effetti speciali da b-movie hollywoodiano, lo spot di Gazprom racconta bene il bullismo infantile che alberga nelle stanze del Cremlino: vi siete messi contro di noi e noi vi faremo sentire tanto freddo, un freddo cane come mai prima d’ora! E la prima linea dell’armata russa, destinata a colpire gli europei fin dentro le loro case, sarà guidata da lui, dal vecchio generale i e dalle sue glaciali propaggini: «Al mio segnale scatenate l’inverno!», avrà ordinato il gladiatorio Vladimir Putin al suo stato maggiore prima di lanciare la sua intimidatoria campagna. Nella mente di chi l’ha concepito, questo grossolano filmato dovrebbe spaventare a morte quegli smidollati degli occidentali e magari convincerli a ritirare quelle sanzioni economiche che, forse, stanno facendo più male di quanto da Mosca vogliano far credere. Ma il risultato finale è decisamente ridicolo, come spesso accade per la propaganda di guerra. A ogni latitudine.

Sondaggio

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati