Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Fermiamo la strage dei suicidi in carcere. Qui ed ora… Si può!

79 morti in poco più di 10 mesi: un record lugubre, terribile, inaccettabile. Ecco l'appello del Dubbio: 5 interventi immediati per fermare il massacro
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

79 morti in poco più di 10 mesi, gli ultimi due il 21 novembre. È il numero di suicidi in carcere registrati fino a questo momento. Un record lugubre, terribile, inaccettabile.  Mai prima d’ora era stato raggiunto questo abisso e per questo Il Dubbio vuole lanciare un appello alle istituzioni, all’intellettualità e alla politica per fermare questa strage.

Sappiamo bene cosa si dovrebbe fare per evitare o contenere questo massacro quotidiano: depenalizzare e considerare il carcere solo come extrema ratio, moltiplicare le pene alternative, dare la possibilità al cittadino detenuto di iniziare un vero percorso di inclusione nella comunità. Chi è in custodia nelle mani dello Stato dovrebbe vivere in spazi e contesti umani che rispettino la sua dignità e i suoi diritti. Chi è in custodia dello Stato non dovrebbe togliersi la vita!

Insomma, sappiamo bene, perché ne discutiamo da anni, da decenni quali siano le strade per fermare la strage, ma la politica, quasi tutta la politica, è sorda perché sul carcere e sulla pelle dei reclusi si gioca una partita tutta ideologica che non tiene in nessun conto chi vive “dentro”, oltre quel muro che divide i “buoni” dai “cattivi”.

Insomma, non c’è tempo: il massacro va fermato qui ed ora. E allora proponiamo una serie di interventi immediati che possano dare un minimo di sollievo al disagio che i detenuti vivono nelle carceri “illegali” del nostro Paese. Clicca qui per sottoscrivere la petizione via Change.org. 

1. Aumentare le telefonate per i detenuti. È sufficiente modificare il regolamento penitenziario del 2000, secondo cui ogni detenuto (esclusi quelli che non possono comunicare con l’esterno) ha diritto a una sola telefonata a settimana, per un massimo di dieci minuti. Bisognerebbe consentire ai detenuti di chiamare tutti i giorni, o quando ne hanno desiderio, i propri cari.

2.  Alzare a 75 giorni i 45 previsti a semestre per la liberazione anticipata.

3. Creare spazi da dedicare ai familiari che vogliono essere in contatto con i propri cari reclusi per valorizzare l’affettività.

4.  Aumentare il personale per la salute psicofisica. In quasi tutti gli istituti vi è una grave  carenza di psichiatri e psicologi.

5. Attuare al più presto, con la prospettiva di seguire il solco delle misure alternative, quella parte della riforma Cartabia che contempla la valorizzazione della giustizia riparativa e nel contempo rivitalizza le sanzioni sostitutive delle pene detentive.

I firmatari

Roberto Saviano, scrittore

Vittorio Feltri, giornalista

Gherardo Colombo, ex magistrato

Luigi Manconi, sociologo

Giovanni Fiandaca, giurista

Massimo Cacciari, filosofo

Ascanio Celestini, attore

Fiammetta Borsellino

Mattia Feltri, giornalista

Francesca Scopelliti, Fondazione Tortora

Giuliano Pisapia, eurodeputato

Walter Verini, commissione Giustizia Senato

Anna Rossomando, vicepresidente del Senato

Mariolina Castellone, vicepresidente del Senato

Riccardo Magi, parlamentare

Roberto Giachetti, parlamentare

Devis Dori, parlamentare

Marco Bentivogli, coordinatore Base Italia

Maurizio Turco, partito Radicale

Rita Bernardini, presidente di Nessuno tocchi Caino

Irene Testa, partito Radicale

Marco Cappato, Associazione Luca Coscioni

Igor Boni, presidente Radicali Italiani

Massimiliano Iervolino, segretario Radicali Italiani

Giulia Crivellini, tesoriera Radicali Italiani

Alessandro Capriccioli, consigliere regione Lazio +Europa/Ri

Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace

Riccardo Polidoro, osservatorio carcere Ucpi

Gianpaolo Catanzariti, osservatorio carcere Ucpi

Michele Passione, avvocato

Michael L. Giffoni, ex ambasciatore italiano

Paolo Ferrua, giurista

Giovanni Maria Pavarin, presidente Tribunale di Sorveglianza di Trieste

Tommaso Greco, filosofo

Tullio Padovani, giurista

Luca Muglia, garante detenuti Calabria

Roberto Cavalieri, garante detenuti Emilia Romagna

Samuele Ciambriello, garante detenuti Campania

Ristretti Orizzonti

Fabio Trizzino, legale famiglia Borsellino

Adelmo Manna, avvocato, già ordinario di diritto penale Università di Foggia

Giuseppe Rossodivita, segretario Associazione Calamandrei

 

 SIMONE | Dentro per una piccola refurtiva subito restituita

 DONATELLA | La ragazza che lasciò il biglietto d’amore al fidanzato. Il giudice di sorveglianza chiese scusa

 ALESSANDRO | Si è ucciso al primo ingresso dopo 2 settimane

 Suicidi senza fine in carcere: si impicca a Torino un uomo di 56 anni

 Un altro suicidio, questa volta a Udine: la strage continua

Ultime News

Articoli Correlati