Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

«Troppe intercettazioni da trascrivere: processo a rischio». Parola di 5S

Slitta ancora il processo "Perfido contro presunte infiltrazioni dell’ndrangheta in Trentino
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«È notizia di oggi che le trascrizioni telefoniche degli imputati del processo “Perfido” che avrebbero dovuto essere completate entro il 30 giugno, data poi prorogata al 15 settembre, sono a poco più della metà del totale: 1.793 trascrizioni effettuate e 1.291 intercettazioni ancora da trascrivere, di queste 938 sono telefoniche e 353 ambientali. La circostanza di fatto blocca l’avanzamento del processo ed è dovuta da un lato all’ingente mole di materiale da sbobinare e tradurre e dall’altro alla scarsa disponibilità di personale qualificato disposto a svolgere questo lavoro. Il perché è presto detto: ai consulenti viene richiesto un impegno quasi totalizzante a fronte di stipendi bassissimi, ai quali può mancare persino il pagamento dei contributi Inps». Lo dice Alex Marini, coordinatore del Movimento 5 Stelle in Trentino, in merito allo slittamento del primo processo trentino contro presunte infiltrazioni dell’ndrangheta nel tessuto economico del porfido.

«La prossima udienza del processo è stata fissata al 24 novembre nella speranza che, al netto di tutti i problemi di cui sopra, a quella data si sia finalmente riusciti ad ultimare le trascrizioni, magari individuando le conversazioni più salienti per definire il quadro del dibattimento – aggiunge Marini -. Serve però che difesa e accusa collaborino e non è affatto scontato. Quando si tratta di giustizia però servirebbero certezze e non essere costretti ad affidarsi alla speranza. Purtroppo in Italia e in Trentino chi decide preferisce tagliare sul settore giustizia, consapevole che se le cose non funzionano poi potrà trarne vantaggio politico e, in caso, magari avvantaggiarsi dell’eventuale prescrizione o improcedibilità, grazie alla Cartabia».

Ultime News

Sponsorizzato

Articoli Correlati