Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Covid: report Iss, sale incidenza 310 casi ogni 100mila abitanti

Contro 222 ogni 100mila abitanti della scorsa settimana
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Roma, 17 giu. (Adnkronos Salute) – Covid in Italia, sale l’incidenza – con 310 contagi ogni 100mila abitanti – e aumenta l’Rt, ora a 0,83. Scende il tasso di occupazione delle terapie intensive (al 1,9%), ma sale quello di occupazione delle aree mediche (al 6,7%). Sei le Regioni e province autonome a rischio alto. Questi i dati principali del monitoraggio settimanale della Cabina di regia Istituto superiore di sanità (Iss) e ministero della Salute.
TORNA A CRESCERE L’INCIDENZA – Torna a crescere l’incidenza dei casi Covid in Italia. “Sale l’incidenza settimanale a livello nazionale: 310 casi ogni 100mila abitanti (10-16 giugno) contro 222 ogni 100.000 abitanti (3-9 giugno)”, il dato del monitoraggio Iss.
AUMENTA L’RT – Aumenta l’indice di trasmissibilità Rt. “Nel periodo 25 maggio-7 giugno , l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,83 (range 0,73–1,18), in aumento rispetto alla settimana precedente, con un range che supera la soglia epidemica. L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è in aumento, con un intervallo che raggiunge la soglia epidemica: Rt=0,95 al 7 giugno contro Rt=0,80 al 31 maggio”, spiega il report.
GIU’ LE INTENSIVE, CRESCONO RICOVERI IN AREA MEDICA- Meno ricoveri Covid in rianimazione ma in crescita quelli in aree mediche. “Il tasso di occupazione in terapia intensiva scende al 1,9% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 16 giugno) contro il 2,0% (rilevazione giornaliera al 9 giugno). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 6,7% (rilevazione giornaliera al 16 giugno) contro 6,6% (rilevazione giornaliera al 9 giugno)”, segnala il monitoraggio.
SEI REGIONI A RISCHIO ALTO – “Una sola Regione è classificata a rischio basso, 14 sono classificate a rischio moderato e 6 a rischio alto per la presenza di molteplici allerte di resilienza”, sottolinea il report.
IN AUMENTO CASI RILEVATI DA SINTOMI – “La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è stabile (10% contro 10% la scorsa settimana). In aumento la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (44% contro 42%), mentre diminuisce la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (47% contro 49%)”.

Ultime News

Articoli Correlati