Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Kiev: Mosca rifiuta il corridoio umanitario a Mariupol

Mariupol
Lo ha dichiarato il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak: «Per loro ha valore simbolico distruggere Mariupol e i combattenti del reggimento Azov»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La Russia continua a rifiutare le proposte ucraine di un corridoio umanitario per l’evacuazione dei civili da Mariupol. Lo ha dichiarato il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak, citato dal Kyiv Independent. «Per loro ha valore simbolico distruggere Mariupol e i combattenti del reggimento Azov», ha detto Podolyak.
«Il Presidente e il capo dell’Ufficio del Presidente si rivolgono costantemente ai leader mondiali per aiutarci a convincere la parte russa della necessità di un corridoio umanitario da Mariupol. Alcuni leader politici si stanno rivolgendo a Putin attraverso i loro canali personali, sostenendo che ciò dovrebbe essere fatto per motivi umanitari. Ma, sfortunatamente, non c’è alcuna reazione da parte russa».

Podolyak ha sottolineato che i russi dimostrano assoluta riluttanza a dialogare e fare almeno qualche concessione dal punto di vista della componente umanistica. «Ci sono attacchi ogni giorno con il massimo uso di tutta l’artiglieria pesante, l’aviazione per distruggere Azovstal. I russi capiscono che ci sono bambini, civili, ma continuano a bombardare», afferma il consigliere del capo dell’OP. Tuttavia, sia la leadership dell’Ucraina che i leader mondiali non abbandonano i tentativi di concordare il salvataggio delle persone a Mariupol.

«Ci sono abbastanza persone coraggiose nel mondo, in particolare leader politici, che sono pronte a svolgere una missione di mediazione a Mariupol. Cioè, stiamo andando lì – e dozzine di leader mondiali sono pronti a stare al nostro fianco in modo che può portare via le persone. Il mondo vuole aiutare a risolvere questa grande catastrofe umanitaria», ha assicurato Podolyak.

Ultime News

Articoli Correlati