Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Domande di pensione per gli avvocati, «dal 10 gennaio anche on line»

Cassa forense presenta la modalità digitale per le domande di pensione
Una nota di Cassa forense illustra la novità: «Un’opportunità per i colleghi, che potranno continuare anche a seguire la tradizione forma cartacea ma che attraverso la modalità digitale potranno evitare più facilmente blocchi nella procedura»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Presentare on line la domanda per la pensione. Un’opportunità che a breve riguarderà gli avvocati. A darne notizia con una nota è Cassa forense, che spiega come gli iscritti, a partire dal 10 gennaio, potranno trasmettere la domanda di pensione direttamente via internet, attraverso il portale dell’Istituto.

Secondo la Cassa degli avvocati, si tratta di una «soluzione rapida ed efficace a disposizione dei colleghi», che comunque potranno continuare a seguire anche la via tradizionale. L’obiettivo dell’innovazione è «avvicinare Cassa forense agli iscritti ed eliminare almeno in parte quelle procedure burocratiche che finora hanno reso più complicato un passaggio delicato» come quello dell’istanza per l’assegno previdenziale.

Lo strumento, spiega ancora l’istituto, ricalca la struttura di altri modelli di istanze telematiche, già presenti sul sito di Cassa forense, e guida l’iscritto passaggio dopo passaggio verso una compilazione «al tempo stesso semplice dal lato utente, ma esaustiva rispetto alle necessità dell’Ente di recuperare le informazioni necessarie, ovviamente con l’obiettivo di velocizzare l’istruttoria».

L’ulteriore elemento di novità riguarda infatti la comunicazione dei dati reddituali: «Rispetto al modulo cartaceo», spiega ancora l’istituto, «in cui vengono richiesti soltanto gli ultimi anni, necessari per la convalida dell’anzianità contributiva, e quelli rientranti nel calcolo del trattamento previdenziale richiesto, con l’istanza on line il sistema proporrà, automaticamente, anche gli anni eventualmente non comunicati alla Cassa. Si eviterà così il blocco dell’istruttoria e la richiesta di invio dei dati mancanti, con l’allungamento conseguente dei tempi».

La richiesta di pensione on line è, assicura l’istituto, solo il primo passo di un percorso di digitalizzazione delle procedure destinato in un futuro prossimo ad abbracciare anche altri adempimenti: «L’obiettivo è realizzare la procedura on line per tutte le prestazioni previdenziali attualmente disponibili nei formati cartacei dell’area modulistica del sito».

Ultime News

Articoli Correlati