Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Allarme Omicron, l’Iss: «Più grave e contagiosa? Non ci sono evidenze»

variante Omicron
L’Istituto Superiore di Sanità: «Non ci sono ancora evidenze che l’infezione con Omicron causi una malattia più grave»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

«Non è ancora chiaro se la variante Omicron sia più trasmissibile rispetto alle altre, inclusa la Delta. È stato segnalato che il numero di persone positive è cresciuto in Sud Africa, dove sta circolando questa variante, ma sono in corso studi epidemiologici per capire se la causa sia appunto la Omicron o se altri fattori possano avere influenzato la circolazione del virus». Lo scrive l’Istituto Superiore di Sanità in un punto sulla variante Omicron pubblicato sul suo portale, alla luce delle conoscenze attuali.

Se non è ancora chiara la contagiosità, men che meno lo è la gravità clinica: «Non ci sono ancora evidenze che l’infezione con Omicron causi una malattia più grave rispetto alle altre varianti. I dati preliminari suggeriscono che ci sia un tasso maggiore di ricoveri in Sud Africa, ma questo potrebbe essere dovuto all’aumento complessivo delle persone infette piuttosto che alla specifica infezione con Omicron. Al momento non ci sono informazioni che suggeriscano che i sintomi specifici associati a questa variante siano diversi da quelli dovuti alle altre. I casi iniziali di infezione riguardano studenti universitari, persone giovani che tendono ad avere una malattia più lieve, ma per capire il livello di gravità dell’infezione causata da Omicron servirà più tempo (da alcuni giorni ad alcune settimane). Comunque – scrive ancora l’Iss – si ricorda che tutte le varianti del Covid-19, inclusa la Delta che rimane al momento la variante dominante a livello globale, possono causare malattia grave o morte, in particolare nelle persone più vulnerabili, e la prevenzione rimane fondamentale».

Ultime News

Articoli Correlati