Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Covid: ricorso 7 deputati vs green pass, ‘strumento inefficace contro contagio’

Roma, 24 nov. (Adnkronos) - Innanzitutto, la lesione delle prerogative del parlamentare che ha il "diritto di poter esercitare il mandato ricevuto dal corpo elettorale". E poi una motivazione 'scientifica': il green pass non serve a prevenire il contagio, in quanto il vaccino non immunizza e quindi meglio [...]
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Roma, 24 nov. (Adnkronos) – Innanzitutto, la lesione delle prerogative del parlamentare che ha il “diritto di poter esercitare il mandato ricevuto dal corpo elettorale”. E poi una motivazione ‘scientifica’: il green pass non serve a prevenire il contagio, in quanto il vaccino non immunizza e quindi meglio il tampone. Questi i due punti salienti del ricorso di 7 deputati di Alterantiva contro l’obbligo di certificazione verde per accedere alla Camera. Ventotto pagine in tutto che domani saranno all’esame del Consiglio di Giurisdizione di Montecitorio.
I 7 ricorrenti sono Pino Cabras, Raffaele Trano, Emanuela Corda, Francesco Forciniti, Paolo Giuliodori, Arianna Spessotto, Andrea Vallascas. I parlamentari hanno fatto un doppio ricorso. “Uno agli organi della Camera per quanto riguarda noi parlamentari e uno alla Corte costituzionale per tutti i lavoratori”, spiegava ieri Trano all’Adnkronos. I ricorrenti, assistiti dagli avvocati Ugo Mattei, Mattia Crucioli, Giovanni Olivieri e Marco Petrone, “con il presente ricorso, promuovono conflitto di attribuzioni tra poteri per affermare il loro diritto di poter esercitare il mandato parlamentare ricevuto dal corpo elettorale”, si legge nel documento visionato dall’Adnkronos.
“Non pare potersi immaginare un vulnus alle prerogative dei parlamentari (di minoranza) più grave e manifesto di quello testé indicato, lesivo dei principi di rappresentanza e del pluralismo”, sottolineano i 7 parlamentari di Alternativa, componente appunto di opposizione che chiedono sia garantita ai “parlamentari di minoranza la possibilità di esercitare pienamente il proprio mandato parlamentare, tra l’altro, allo scopo di poter opporsi – in ogni forma consentita dal predetto mandato e, in primis, tramite l’apposizione di emendamenti – all’attività della maggioranza e, in particolare, all’imposizione generalizzata dell’obbligo di green pass, in quanto strumento inefficace a prevenire la diffusione del contagio da virus Sars-Cov-2”.

Ultime News

Articoli Correlati