Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Migranti, le toghe di Area: “Così il diritto d’asilo muore ai margini della fortezza europea”

La denuncia di AreaDG sulla crisi al confine con la Polonia: "La coscienza dei giuristi è terribilmente scossa. L’unica voce politica che si leva è quella di chi chiede di ergere muri"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

« Il diritto di asilo nasce e sovente muore al di fuori dei confini nazionali e della Ue, dove i richiedenti, tra cui donne, bambini ed ammalati, sono abbandonati nella terra e nel mare di nessuno. La rotta balcanica, la rotta bielorussa, la rotta turca, la rotta mediterranea, ancora in questi giorni sono costellate da sofferenze, da fame, sete, gelo, malattie e morte. La coscienza dei giuristi è terribilmente scossa dai fatti che avvengono tra Bielorussia e Polonia, tra Croazia e Slovenia, nel Mediterraneo orientale ed in quello occidentale, sulle spiagge libiche». È quanto sottolinea il coordinamento di Area democratica per la giustizia a seguito all’acuirsi della crisi al confine Tra Polonia e Bielorussia, dove da giorni sono ammassate migliaia di persone, provenienti principalmente da Yemen, Iraq e Afghanistan, in condizioni spaventose.

«Non solo come cittadini del mondo e come testimoni del senso di umanità contemporanea, ma anche come studiosi, come professionisti, giudici, avvocati, professori, funzionari amministrativi, membri delle Commissioni territoriali per la protezione internazionale, siamo tenuti a considerare a vario titolo nel nostro lavoro le condizioni disumane in cui versano migliaia di richiedenti asilo, ancor prima che sia consentito loro di presentare formalmente la domanda di protezione in Italia, in Europa – ammonisce il gruppo delle toghe progressiste – Quella domanda di asilo per cui intraprendono un viaggio terribile, quella istanza di protezione che la Costituzione, la Carta Ue, la Convenzione di Ginevra riconoscono esser un diritto inviolabile».

«L’eco delle parole pronunciate pochi giorni fa a Siena dal Presidente Mattarella e da Papa Francesco nelle scorse settimane, non ha trovato risposta da parte delle autorità politiche degli Stati membri della Ue e negli stessi organi dell’Unione – denuncia Area – L’inadeguatezza del Regolamento Dublino III è stata sottoposta all’attenzione della Cgue, ma le istituzioni politiche sono ancora in affanno sulla sua riforma. L’unica voce politica che si leva è quella di chi chiede di ergere muri ad Est, quella di chi chiede di abbandonare i naufraghi in mare, di chi finanzia centri di detenzione inumana ai margini della fortezza europea. La giurisdizione in tutti gli Stati membri è chiamata a svolgere, come sempre, i propri doveri, ma gli ostacoli materiali all’esercizio del diritto di asilo restano il più delle volte insuperabili, in mancanza di misure di ingresso umanitario che, lungo le rotte delle migrazioni, consentano di ricevere le domande di asilo all’inizio e non al termine di questo sentiero di morte. In queste condizioni davanti alle giurisdizioni nazionali arrivano ed arriveranno solo le domande dei superstiti di una vera e propria strage», conclude il documento.

Ultime News

Articoli Correlati