Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Ddl Zan, il vade retro dei senatori sull’identità di genere

Contributo unificato, no dei gruppi alla norma tagliola
Adesso il punto critico della legge sull’omotransfobia è il riferimento alla varianza di genere, che le destre (e non solo) vogliono assolutamente eliminare. Come se la questione non esistesse ormai nella realtà, con scuole e università che ormai dal lontano 2003 accettano gli alias al posto dei nomi anagrafici, per rispettare l’individuo
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

E adesso che la legge Zan prova a riprendere il suo travagliato percorso parlamentare, si riaccende lo scontro politico perché le destre -ma non solo- chiedono di soprassedere sul concetto di genere, e di identità di genere. Gridano allo scandalo, come non avessero mai visto l’ellenistico Ermafrodito dormiente del Louvre, e neanche quello della Galleria Borghese a Roma o quello dell’Hermitage di Pietroburgo, o una delle mille e più di mille raffigurazioni delle varianze di genere esistenti sin dai tempi dei Sumeri.

Sembrano temere il loro personale turbamento nel dover ragionare, discutere e normare (il che sarebbe come dire il lavoro loro) quel che esiste per l’appunto da tempo immemore: l’intersessualità. Che sin dal secolo scorso, almeno, non è più semplice cosa dì riconoscibilità a livello dei genitali, ma legata all’identità sessuale: a quel che l’individuo sceglie di essere, all’autodeterminazione.

E sembrano dunque moralisti o inadeguati perché mentre discutono, molti arrabbattandosi a negare o peggio a sottovalutare l’identità di genere, si allontanano non solo dall’intero mondo occidentale (l’Italia è uno dei pochissimi Paesi a non avere il genere in nessuna sua legge), ma anche dalla italica società civile.

“Non sconvolgiamo i bambini”, protestano infatti gli avversari dell’identità di genere in giurisprudenza quando da anni -e precisamente dal 2003- in regime di vacatio legis e grazie all’autonomia di cui gode l’istruzione, in nome della serenità dell’ambiente scolastico dalle elementari all’università è stato creato il principio dell’alias: ogni alunno o studente può comunicare all’istituto scolastico come intende farsi chiamare, e la scuola deve proteggere la segretezza dell’identità sessuale iscritta nei documenti di identificazione ufficiale.

Accade dal 2003 -prime Torino, Bologna e la Federico II di Napoli, ultime La Sapienza di Roma, Ca’ Foscari a Venezia, e Palermo- in metà dei 68 atenei italiani.

Ma tutto è cominciato sui banchi delle elementari, perché è spesso in età precoce che si manifesta l’intersessualità. Un fenomeno così vasto -anche a stare ai racconti che comunemente si ascoltano- che la Regione Lazio ha anche varato delle linee-guida per i presidi che volessero instaurare l’alias nella loro scuola.

Pare poi, per stare al dibattito che ha avvolto la legge Zan che si propone di perseguire i reati d’odio a sfondo sessuale non certo di cristallizzare l’intersessualità, che gli onorevoli non abbiano mai acceso un televisore: la labilità del genere sessuale è stata sdoganata nell’immaginario collettivo anzitutto dalla centrale della cultura nazionalpopolare italiana. Dal Festival di Sanremo, buoni ultimi i Maneskine, ma indietro nel tempo anche Achille Lauro, Conchita Wurst, Madame…

E tutto cominciò negli anni Ottanta, con l’irrompere della tendenza androgina alle sfilate di Milano e nella scelta delle modelle -che sono, evidentemente, modelli di vita. Oggi, la contaminazione di stili che propone una star della moda come Stefano Di Michele che disegna le linee Gucci è proprio anzitutto una commistione di generi sessuali.

Lungo, lunghissimo sarebbe l’esempio nelle serie televisive di culto con personaggi intersessuali, ma su tutti Billions e il/la primo genderqueer televisivo: Asia Kate Dillon, nel ruolo del genietto della finanza Taylor Mason, è di identità non binaria anche nella vita reale. Ed è realmente difficile, osservandola, stabilire se è maschio o femmina: la plastica rappresentazione della varianza di genere che oggi è la genetica a definire, perché alla varianza di genere corrisponde una (vasta) varianza cromosomica.

Insomma, anche in questo caso sembra che il Parlamento italiano, o quantomeno una porzione di esso, viva come in un castello feudale, col ponte levatoio alzato, molto più indietro e comunque incapace di comprendere la società che dovrebbe rappresentare. È già successo con il divorzio, l’aborto, la fecondazione eterologa. Su leggi non fatte, o malfatte, son poi dovuti intervenire i cittadini via referendum, o con ricorsi alla Corte costituzionale.

Ma alcuni onorevoli sembrano fermi a decenni fa, a quando la forzista ex vedette televisiva Elisabetta Gardini andò alla toilette di Montecitorio e ne uscì urlando in lacrime “c’è un uomo nel bagno delle donne!”. Era Vladimir Luxuria, una delle signore più cortesi di tutto il Parlamento dell’epoca.

Ultime News

Articoli Correlati