Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Transizione verso piano alimentare rigenerativo, l’impegno di Nestlè

Roma, 16 set. - (Adnkronos) - Protezione e risanamento dell’ambiente, miglioramento dei mezzi di sussistenza degli agricoltori e del benessere delle comunità agricole: con questi obiettivi Nestlé sta lavorando globalmente ai suoi piani per supportare e accelerare la transizione verso un sistema [...]
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Roma, 16 set. – (Adnkronos) – Protezione e risanamento dell’ambiente, miglioramento dei mezzi di sussistenza degli agricoltori e del benessere delle comunità agricole: con questi obiettivi Nestlé sta lavorando globalmente ai suoi piani per supportare e accelerare la transizione verso un sistema alimentare rigenerativo. In collaborazione con i suoi partner, inclusa la rete di oltre 500.000 agricoltori e 150.000 fornitori, l’azienda contribuirà al progresso delle pratiche rigenerative nel sistema alimentare. Nestlé avvierà anche nuovi programmi per aiutare ad affrontare le sfide sociali ed economiche di questa transizione.
L’annuncio arriva in occasione del vertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari di New York, nell’ambito degli impegni di Nestlé per contribuire a raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sdgs) entro il 2030. La comunicazione segue anche il recente report del Gruppo Intergovernativo sul Cambiamento Climatico che dimostra che la crisi climatica si stia intensificando.
“Siamo consapevoli che l’agricoltura rivesta un ruolo fondamentale nel miglioramento della salute del suolo, nel ripristino del ciclo dell’acque e nell’aumento della biodiversità a lungo termine” ha dichiarato Paul Bulcke, chairman di Nestlé che aggiunge: “Questi risultati costituiscono la base di una produzione alimentare sostenibile e, elemento fondamentale, contribuiscono anche al raggiungimento dei nostri ambizioni obiettivi climatici”.
Nestlé è una dei firmatari dell’impegno ‘Business Ambition for 1.5°C’ delle Nazioni Unite ed è stata una delle prime aziende a condividere, a dicembre 2020, il suo piano dettagliato e con scadenze ben definite. L’azienda sta adottando misure per dimezzare le sue emissioni entro il 2030 e raggiungere quota zero entro il 2050.
“Attraverso le nostre partnership di lungo corso con le comunità agricole di tutto il mondo vogliamo accrescere il nostro supporto verso pratiche agricole che siano buone per l’ambiente e per le persone – ha affermato Mark Schneider, ceo di Nestlé – Al fine di sostenere una corretta transizione, per noi è fondamentale aiutare gli agricoltori di tutto il mondo che si assumono i costi e i rischi legati al passaggio all’agricoltura rigenerativa”.

Ultime News

Articoli Correlati