Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Green pass, la Lega vota contro l’obbligo. Letta: «È fuori dalla maggioranza»

Caos nella maggioranza dopo il blitz del Carroccio alla Camera a favore di modifiche alle norme sul green pass nel decreto Covid
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Caos nella maggioranza dopo il voto della Lega a favore di modifiche alle norme sul green pass nel decreto Covid. Un passo che scatena la richiesta di chiarimento politico da parte del Pd, e accuse di «schizofrenia politica» da M5s.

Accade questo: in commissione Affari sociali alla Camera, il partito di Matteo Salvini vota a favore degli emendamenti presentati, per introdurre, per esempio, l’esenzione dell’obbligo del green pass ai minorenni, o nei ristoranti al chiuso e per lo sport giovanile. Una mossa decisa per «dare un segnale» agli altri partiti della maggioranza di governo, spiegano fonti leghiste ma che, nel giorno dell’entrata in vigore delle nuove misure sul certificato verde, suscita l’ira del Pd e il «disappunto» di Leu, malgrado gli emendamenti non passino.

«Io stigmatizzo la scelta della Lega che, con i voti di oggi in commissione alla Camera contro il green pass, ha deciso, proprio nella giornata di oggi, di fare una scelta che la pone al di fuori della maggioranza», tuona allora Enrico Letta, al suo arrivo alla Festa nazionale dell’Unità a Bologna. «Quindi – aggiunge il segretario Pd – chiedo un chiarimento politico su questo punto, perchè la Lega oggi, di fatto, si mette contro e fuori la maggioranza». «È Letta che vive fuori dal mondo – è la risposta dal partito di via Bellerio – Chiedere tamponi salivari gratuiti per gli italiani è buon senso, perchè dire di no? Chiedere garanzie per lavoratori e imprenditori, chiedere la scuola per tutti gli studenti, difendere lavoratrici e lavoratori, poliziotti e insegnanti, è buon senso. Su 900 emendamenti migliorativi presentati dalla Lega ne verranno accolti, forse, due. Pd e 5 stelle ragionano come se al governo ci fosse ancora Conte ma, per fortuna, adesso c’è Draghi».

Quindi la replica di Salvini: «Se lo Stato impone il green pass per lavorare, viaggiare, studiare, fare sport, volontariato e cultura, deve anche garantire tamponi, rapidi e gratuiti, per tutti. Sono certificati, funzionano, costano poco e possono essere usati da tutti, come in altri Paesi stranieri. Ci sono milioni di italiani che non possono spendere altre centinaia di euro ogni settimana, in un momento già economicamente difficile. Vediamo se Pd e 5 stelle voteranno a favore di questa proposta della Lega in Commissione. Non si tratta di essere no vax o no green pass – ho sia l’uno che l’altro – si tratta di aiutare milioni di italiani in difficoltà. Non tutti trovano 24.000 euro in contanti nella cuccia del cane».

Ultime News

Articoli Correlati