Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Quei garantisti sedotti da Palamara…

palamara
L'ex magistrato si presenta come il castigatore della magistratura. Ma lui è l'artefice del Sistema di potere delle procure. Qualcuno lo ha scordato...
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

E’ addirittura commovente il trasporto emotivo con cui una fetta dell’ala garantista della nostra politica e intellettualità ha accolto la decisione di Luca Palamara di fondare un proprio movimento politico. Ed è sorprendente la speranza che ripongono nell’uomo, (l’ex) magistrato, che ha scoperchiato il Sistema, certo, ma che, per sua stessa ammissione, prima ha contribuito a crearlo fino a diventarne punto di riferimento, mente, “mandante” e terminale.

E quando parliamo del Sistema ci riferiamo al controllo sulle nomine delle procure più importanti del Paese, al condizionamento delle toghe in politica, pianificato e perseguito in modo mirato: i 39 processi a Silvio Berlusconi dicono qualcosa? E i 19 ad Antonio Bassolino? Per non parlare dell’agguato a Clemente Mastella quando era ministro della giustizia o alle centinaia di governatori e sindaci indagati, massacrati mediaticamente e poi assolti. Insomma, la lista degli orrori sarebbe davvero troppo, troppo lunga.

Ma ora c’è chi pensa seriamente di affidare la battaglia garantista a uno degli artefici di quel massacro. Intendiamoci, Palamara ha tutto il diritto di entrare in politica e di raccontare che lo fa per il bene della giustizia, perché ha scoperto che i processi sono troppo lunghi, che il potere delle procure è eccessivo e che il sistema delle correnti genera mostri. Tutto vero: solo che noi lo sostenevamo quando lui era dall’altra parte della barricata…

 

Ultime News

Articoli Correlati