Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Strage di Via D’Amelio, Borsellino voleva denunciare i fatti interni alla Procura di Palermo: ecco le prove

Paolo Borsellino
Le conferme in due verbali “nascosti” per decenni, nelle intercettazioni di Totò Riina sul contenuto dell’agenda rossa e in un discorso pubblico del magistrato
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ci sono un discorso pubblico, due verbali “nascosti” per decenni e un passaggio delle intercettazioni di Totò Riina sul contenuto dell’”agenda rossa”, che svelano cosa avrebbe voluto denunciare Paolo Borsellino alla procura di Caltanissetta in merito alla morte di Giovanni Falcone, senza averne avuto la possibilità: fu fatto saltare in aria prima, insieme alla sua scorta, con il tritolo in Via D’Amelio, 29 anni fa.

Le questioni “terribili” della Procura di Palermo

Un dato è sotto gli occhi di tutti. Paolo Borsellino ha pubblicamente evidenziato un dettaglio, collegandolo all’attentato di Capaci. Un dettaglio  passato del tutto inosservato fin da subito e completamente svaporato tra le tesi della trattativa e altre piste inconcludenti. Tutte piste che omettono le questioni “terribili”, una definizione coniata da Borsellino durante una confidenza fatta alla sorella di Falcone, che riguardano la Procura diretta all’epoca da Pietro Giammanco.

Tutto nero su bianco nel verbale tenuto nei cassetti per quasi 30 anni. «Falcone approdò alla procura della Repubblica di Palermo dove, a un certo punto ritenne, e le motivazioni le riservo a quella parte di espressione delle mie convinzioni che deve in questo momento essere indirizzata verso altri ascoltatori, di non poter più continuare ad operare al meglio». Questo è il passaggio del famoso intervento pubblico di Borsellino fatto alla biblioteca comunale di Casa Professa. Non c’è altra interpretazione.

Per Borsellino i diari di Falcone sono veri

Borsellino ha esordito con una premessa: deluderà i presenti, ma le motivazioni dell’omicidio del suo collega e fraterno amico Falcone le riserverà alla procura di Caltanissetta. Ma man mano che parla, qualcosa lascia intravvedere. Prima premette che i diari di Falcone (tutte annotazioni critiche nei confronti di alcuni suoi colleghi e della gestione delle indagini) pubblicato dalla giornalista Liana Milella sono veri. Sottolinea la loro genuinità, perché li «aveva letti in vita».

Borsellino, più avanti, dice chiaramente che avrebbe rivelato il motivo per cui Falcone ha abbandonato la Procura di Palermo, quella dei “veleni”. Definizione, quest’ultima, di Borsellino stesso come hanno testimoniato alcuni suoi colleghi di Marsala, ovvero Massimo Russo e Alessandra Camassa. Lo avrebbe prima detto alla procura competente e poi, nel caso, pubblicamente.

Voleva denunciare ai giudici di Caltanissetta i malesseri della procura palermitana

Dal verbale dell’audizione al Csm del magistrato Antonella Consiglio si evince una testimonianza che svela il fatto che Borsellino avrebbe denunciato innanzi ai giudici nisseni tutti i malesseri interni alla Procura.

Riportiamo il passaggio del verbale al Csm del 30 luglio 1992. È la dottoressa Consiglio che parla. Il riferimento sono i diari di Falcone: «Lo stesso Antonio (Ingroia, ndr), parlando mi disse che era tutto vero, ma sul punto non c’erano dubbi e che proprio Paolo cercava di studiare insomma il modo, come dire, o comunque il momento per poter introdurre il problema nelle sedi istituzionalmente competenti, perché dopo la morte di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino ha subito un grosso trauma emotivo ed era determinato nel far luce sui fatti anche della procura, e comunque, diciamo, era una cosa che lui stava sicuramente preparando, a cui pensava».

Ingroia disse alla Consiglio che Borsellino era determinato a tirar fuori i malesseri della procura

La dottoressa Consiglio, aggiunge che Ingroia le disse che Borsellino era «determinato in questa sua intenzione di tirar fuori, in qualche modo non so come, i malesseri di quella procura ed ero completamente allo scuro di tutti i fatti che poi ho sentito e tutto sommato cercava, appunto, il momento opportuno, poi.. è finita».

Ma poi, appunto, è finita quel maledetto 19 luglio 1992. Borsellino che quasi ogni domenica mattina andava a trovare la madre, quel giorno ci andò di pomeriggio perché doveva accompagnarla dal cardiologo. Una visita programmata per sabato, ma poi spostata a domenica dal medico stesso.

Il giorno prima della strage alla madre avrebbe detto: «…poi potrò smettere di fare il magistrato»

Il giorno prima della strage, e questo lo sappiamo dalla testimonianza del fratello Salvatore resa il 5 aprile 1995 al processo Borsellino, il giudice ucciso dal tritolo era euforico e avrebbe detto alla madre testuali parole: «Sono contento di questo che sto facendo perché sono riuscito ad andare in fondo e poi potrò smettere di fare il magistrato».

Ebbene sì. Borsellino avrebbe lasciato la magistratura una volta denunciato la verità sulla strage di Capaci. La sorella di Falcone, come si legge nel verbale tenuto nascosto per quasi 30 anni, dirà al Csm: «Io per due mesi sono stata zitta, perché Paolo Borsellino così mi aveva consigliato, o ci aveva consigliato, perché Paolo era un caro amico di Giovanni».

Consigliò alla sorella di Falcone di stare ferma, perché stava scoprendo «delle cose terribili»

Che cosa le aveva consigliato? Lei voleva parlare subito dei motivi per cui Falcone ha lasciato la Procura. Borsellino però le disse di stare ferma, perché stava scoprendo «delle cose terribili, che avrebbero fatto saltare parecchie cose».

Veniamo all’agenda rossa scomparsa. Si sono fatte diverse ipotesi sul contenuto. Nessuno ne è testimone, ma addirittura c’è chi specula dando per certo che avrebbe scritto cose riguardanti entità o spectre come se annotasse un romanzo alla Dan Brown.

Annotava pensieri sull’agenda rossa come faceva Falcone su un diario

Sappiamo, grazie alla testimonianza di Ingroia resa alla commissione antimafia siciliana, che Borsellino ha cominciato ad annotare pensieri sull’agenda rossa una volta che ha scoperto che anche Falcone annotava tutto su un diario. Il contenuto delle annotazioni pubblicate è tutto volto alla questione interna alla Procura di Palermo.

Sappiamo che Falcone cominciò ad annotare sul diario su consiglio del giudice Rocco Chinnici. Anche quest’ultimo, ricordiamo, teneva un diario personale. Dopo la morte di Chinnici, in audizione avanti al Csm del 6 settembre 1983 sul punto Falcone commenterà: «Il collega Chinnici prendeva appunti su tutti gli episodi che gli apparivano inconsueti e questo perché temeva che le persone che potessero volere la sua morte avrebbero potuto annidarsi anche all’interno del palazzo di giustizia. Egli mi sollecitava a fare altrettanto, dicendomi che in caso di una mia morte violenta gli appunti avrebbero potuto costituire una traccia per risalire agli assassini».

È stato di parola. Falcone ha annotato tutti i problemi interni al palazzo di giustizia.A questo punto è logico supporre che Borsellino abbia voluto seguire lo stesso esempio. Pubblicamente o tramite confidenze ora svelate dai verbali, Borsellino ha detto di non fidarsi di alcuni suoi colleghi e che avrebbe denunciato tutto a Caltanissetta.

Riina parlava dei contenuti dell’agenda rossa

Lo sapeva anche Totò Riina? Nelle trascrizioni delle intercettazioni del 29 agosto 2013, parla dell’agenda rossa e dei documenti che qualcuno fece sparire anche al generale Carlo Alberto dalla Chiesa. Si chiede come mai accadono queste sparizioni. Ad un certo punto, subito dopo aver nominato il fatto di dalla Chiesa, dice: «Perché, anche questa agenda rossa, cioè, le rilevazioni che aveva fatto questo… questo per quello… gli faccio io… perché c’è… c’è… non può essere perché sono presenti i Magistrati?».

Finché non si farà chiarezza su questo punto, la verità è sempre più lontana. Siamo un Paese particolare, la Sicilia lo è ancor di più. Ci vorrebbero magistrati che abbiano il coraggio di calpestare i piedi anche ai loro colleghi potenti. Un potere abnorme che invade i mass media e gli organismi politici. Cosa aveva scoperto di così terribile Paolo Borsellino tanto da annotarlo sull’agenda e pronto a rivelarlo alla procura Nissena? «Borsellino – si legge nell’articolo del Corriere della Sera a firma di Luca Rossi apparso il giorno dopo l’attentato – pensava che potesse esistere una connessione tra l’omicidio di Salvo Lima e quello di Falcone, e che il trait d’union fosse una questione d’appalti, in cui Lima era stato in qualche modo coinvolto e che Falcone stava studiando».

E poi sempre Borsellino dice: «Se me ne vado da qui, da Palermo, non ho più nessuno che mi faccia da sponda. Qui non è rimasto nessuno. Non ci sono più inchieste, non c’è un lavoro organico: che cosa posso coordinare da Roma se nessuno fa indagini in Sicilia?».

Ultime News

Articoli Correlati