Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Il due per mille per finanziare il Movimento e il lavoro di “segretario”

Conte
I tempi sono cambiati e una giravolta in più o in meno non farà certo la differenza
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il limite dei due mandati, certo. Ma c’è anche un’altra questione ad agitare gli animi pentastellati: «Chi lo paga lo stipendio a Conte e Casalino?». Sì, perché la storiella della politica come hobby, o di “milizia” per nobilitarla con l’usanza svizzera, non funziona più.

Neanche in casa cinque stelle. Quello del politico è un mestiere, anche particolarmente impegnativo, e come tutti i mestieri deve essere adeguatamente retribuito.

Magari anche bene. E Conte non fa eccezione, anche se bisogna trovare un modo per finanziarlo, visto che l’avvocato non è un parlamentare. Servono fondi. Quegli stessi fondi ai partiti che il governo Letta ha cancellato nel 2013 terrorizzato dalla campagna martellante del grillismo.

Per questo la strada percorribile rimane una sola: accettare il due per mille destinato dai contribuenti, come sembra intenzionato a fare l’ex premier. Una bestemmia per l’ortodossia del partito liquido capace di sopravvivere con le donazioni degli iscritti e tanto volontariato. Per i puristi sarebbe il passo definitivo per omologare il M5S identico alle altre forze parlamentari, un’evoluzione che proprio il “garante” ha sempre osteggiato con forza.

I tempi però sono cambiati e una giravolta in più o in meno non farà certo la differenza. Che sarà mai il due per mille dopo i capi politici, le alleanze con chiunque e la responsabilità al posto del Vaffa? Un partito ha bisogno di risorse. Del resto sono lontanissimi i giorni infuocati dello “Tsunami Tour” con cui Beppe Grillo si preparava a spazzare via la Terza Repubblica. La casta non fa più paura, ora che persino Draghi, a sentire il fondatore, è diventato un «grillino».

 

Ultime News

Articoli Correlati