Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Nuova bufera su AstraZeneca, il caso delle 29mln di dosi stoccate ad Anagni

La struttura in provincia di Frosinone al momento è presidiata dalle forze dell'ordine. Draghi: «Lotti destinati in Belgio, poi non so. Vigileremo»
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Con quasi otto milioni e mezzo di somministrazioni già effettuate e l’arrivo, entro fine marzo, di 4 milioni di dosi, la campagna vaccinale è al punto di svolta. O almeno questo è l’obiettivo del governo che vuole le Regioni pronte a rispondere al tento atteso potenziamento delle consegne. Nel prossimo trimestre le fiale in arrivo dovrebbero quintuplicare, non è più tempo di errori, e nonostante le rassicurazioni sulla «massima collaborazione» tra esecutivo e governatori, non è un mistero che alcune falle organizzative esistano e alcune Regioni siano sotto stretta sorveglianza.

«Persistono purtroppo importanti differenze regionali, che sono molto difficili da accettare», è il commento secco del premier Mario Draghi parlando delle vaccinazioni agli anziani. La strigliata arriva nelle comunicazioni in Senato, in vista del Consiglio europeo, ed è seguita a stretto giro dalle parole del ministro della Salute Roberto Speranza che, durante il question time alla Camera, chiosa: «Le Regioni sono tenute ad attenersi al piano che abbiamo insieme condiviso». «È fondamentale una relazione positiva tra Governo e Regioni», evidenzia il ministro, ma il primo obiettivo che si è dato il governo è arrivare ad almeno mezzo milione di somministrazioni al giorno entro un mese e il messaggio a chi ha registrato difficoltà, come la Lombardia, è chiaro: chi non sta al passo, sarà seguito più da vicino per velocizzare la macchina delle immunizzazioni anti-Covid.

«Le prossime settimane saranno quelle decisive», ribadisce il ministro Speranza, perché «da qui alla fine di marzo ci aspettiamo oltre 4 milioni di dosi, oltre 50 milioni nel secondo trimestre e 80 milioni nel terzo trimestre». Per far correre la campagna arrivano anche le linee guida per punti vaccinali aperti 12 ore al giorno, dove il personale farà una dose ogni 10 minuti, con a regime a un trend di 700-750 vaccinazioni.

Intanto nell’hub di Pratica di Mare proseguono le consegne: oggi è stata la volta di 270 mila dosi AstraZeneca che nelle prossime ore saranno distribuite alle Regioni, mentre il siero anglo-svedese finisce al centro di una nuova bufera per 29 milioni di dosi, stoccate all’interno dello stabilimento Catalent di Anagni, in provincia di Frosinone, e destinate allo stabilimento belga del colosso farmaceutico. La struttura sarebbe presidiata all’esterno dalla sicurezza e all’interno dalle forze dell’ordine, vietato anche l’ingresso ai giornalisti anche all’interno del parcheggio. «È stata una giornata molto movimentata – dice all’Adnkronos un residente della zona – ho visto diverse auto di polizia e carabinieri entrare e uscire da Catalent». AstraZeneca si difende evidenziando che oltre la metà di quelle fiale sono destinate all’Ue, e quindi anche all’Italia, ma le polemiche non si quietano. Infine il governo ribadisce massima trasparenza sui dati della campagna e, per il resto, l’imperativo è uno solo: fare presto.

«Sabato sera ricevo una telefonata della presidente della Commissione Ue su alcuni lotti che non tornavano nei conti della Commissione e che sarebbero stati giacenti presso lo stabilimento di Anagni» dove «si infiala» il vaccino Astrazeneca. «Mi si suggeriva un’ispezione. La sera stessa ho chiamato il ministro Speranza, da cui dipendono i Nas, e i Nas sono andati immediatamente e la mattina successiva, dopo aver lavorato tutta la notte, hanno identificato dei lotti in eccesso che a quel punto sono stati bloccati. Due oggi sono stati spediti in Belgio, dove c’è la casa madre. Ma sono lì, da lì dove andranno non so, ma intanto la sorveglianza continua per i lotti rimanenti», spiega il premier Mario Draghi intervenendo in replica in Aula alla Camera in risposta al deputato di Fdi, Tommaso Foti.

 

 

Ultime News

Articoli Correlati