Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

A Barcellona la legge del silenzio: vietato parlare nel metrò

Stare zitti per combattere il Covid. Come la lotta alla pandemia sta facendo a pezzi tutte le nostre libertà fondamentali
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Silenzio, parla il Covid!

Nel metrò di Barcellona da alcuni giorni sono spuntati dei cartelli che invitano i viaggiatori a stare zitti. Vietato parlare con il collega di lavoro, vietato conversare con l’amico, il familiare, o con un semplice passante, una misura che vale anche per gli autobus e che potrebbe essere estesa a tutti i luoghi pubblici.

Oltre a lavarsi le mani, all’impiego sistematico della mascherina, al distanziamento sociale, alle serrate, al confinamento, alle zone rosse, ora il virus ci impone la clausola del silenzio.

O meglio, a imporlo sono le autorità catalane, in una deriva paranoica e fuori controllo che dovrebbe servire ad aumentare la sicurezza tra la popolazione ma che naufraga nel suo opposto, generando un apocalittico sentimento di insicurezza e paura.

Come se fosse una rappresentazione teatrale, il Covid ci costringe ad assistere muti alla pièce, peccato che i protagonisti di quella rappresentazione siamo noi e non c’è nessun sipario che possa calare in scena se non, appunto, quello  silenzioso della distopia.

Centinaia di migliaia di viaggiatori ogni giorno utilizzano i treni sotterranei della città catalana immersi in un acquario, distanziati e muti, risucchiati dai loro smartphone con il collo perennemente chino sullo schermo e circondati da cartelli che li invitano a stare zitti. E fa impressione la rapidità e la docilità con cui abbiamo accettato questi cambiamenti, rinunciato alle nostre libertà primarie.

Forse la pandemia non ha fatto che accelerare e dare corpo a qualcosa che era già presente tra di noi e che la società digitalizzata già da anni ci spiattella davanti ai nostri occhi ignari: saremo sempre più interconnessi e sempre più distanziati, capaci di interagire gli uni con gli altri solamente tramite telefoni, computer, e altri dispositivi, ovvero attraverso il black mirror della modernità.

 

Ultime News

Articoli Correlati