Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Se un tatuaggio fa più paura delle torture in questura

Va avanti la discriminazione dei tatuati nelle forze dell’ordine. L’ultima frontiera è un’agente della Polizia stradale di un comune lombardo, Guardamiglio, rimossa per un tatuaggio pregresso
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Va avanti la discriminazione dei tatuati nelle forze dell’ordine. L’ultima frontiera è un’agente della Polizia stradale di un comune lombardo, Guardamiglio, rimossa per un tatuaggio pregresso.

L’aveva abraso col laser, ma non conta. Niente incisioni dermiche, i codici di comportamento lo vietano. E se pure sei un tatuato pentito, la macchia resta.

Non si vede più nulla ma c’è la macchia morale. Sei hai ceduto alla tentazione vai punito a vita.

Siamo alla nevrosi burocratica, alla minuzia paradossale, alle regole ridotte a pedanteria. Le forze dell’ordine annoverano eroi, alcuni noti, altri invisibili o “quotidiani”, come il prefetto di Lodi aveva definito l’agente dal tatoo fatale, Arianna, capace di sedare una furibonda rissa a mani nude. A furia di concentrarsi sull’irrilevante, di trascinarsi dietro le pignolerie, si rischia di perdere di vista l’essenziale.

Non è una questione di moralismo, o di generalizzazioni. Vicende come quella della caserma di Piacenza, o peggio come l’orrore consumato su Stefano Cucchi, sono eccezioni, lo sappiamo. Ma il rischio è che a furia di prestare troppa attenzione ai dettagli insignificanti si rischia di lasciar crescere l’erba gramigna delle devianze vere.

 

Ultime News

Articoli Correlati