Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Modernizzare la PA: necessari digitale e formazione, ma anche spirito bipartisan

Semplificare un impianto così farraginoso è complesso e va affidato a dirigenti preparati. Lotta all’analfabetismo digitale
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

C’è un argomento che ricorre come capitolo mai risolto della modernizzazione del paese: la riforma della Pubblica amministrazione. Il giudizio negativo sulla sua efficacia è entrato nel senso comune e si e’ esteso ai diritti da esercitare e ai doveri da espletare attraverso di essa.

D’altra parte la Pubblica Amministrazione e’ la faccia dello Stato e quindi la valutazione sulla sua qualità trascina con se’ quella sulla qualità delle politiche pubbliche.

Per questo la sua riforma e’ una questione democratica. Per questo andrebbe realizzata con responsabilità bipartisan. Se lo Stato non funziona non funziona il paese, chiunque lo governi. E il funzionamento della nostra Pubblica amministrazione, nonostante stagioni importanti di cambiamento, continua ad essere uno dei freni principali alla sua crescita. Se in tempo pre- Covid il numero di adempimenti per aprire un esercizio commerciale era abnorme rispetto ad altri paesi, nel post- Covid i tempi e le procedure delle erogazioni delle misure di sostegno a famiglie, imprese e lavoratori sono stati una ulteriore prova dell‘ urgenza di semplificare e riformare la Pubblica amministrazione. Al netto del pessimismo contenuto nella recente ricerca della Camera di Commercio di Roma secondo la quale e’ difficilmente scalfibile la farraginosità dell’impianto giuridico- avvocatesco del processo amministrativo. Non a caso si parla dell’argomento in una ricerca sulla Roma del 2030. Il futuro di Roma e’ fortemente legato alla capacità di modernizzazione della sua macchina amministrativa e alle qualità politico- amministrative di chi la guiderà.

Va detto subito che la digitalizzazione non è la panacea di tutti i mali, ma la condizione necessaria. Infatti non esiste automatismo tra efficacia dei servizi pubblici e digitalizzazione perché alla loro qualità concorrono le caratteristiche del processo organizzativo, le capacità della dirigenza, la formazione e la motivazione dei lavoratori pubblici. Digitalizzare servizi non “utili” non cambia la vita alle persone che sarebbe invece molto semplificata se le amministrazioni dialogassero tra di loro scambiandosi informazioni di cui sono già in possesso.

Alfonso Fuggetta, studioso di innovazione della Pubblica amministrazione, ha da tempo suggerito che le criticità maggiori risiedono nella inadeguatezza dei “back- end”, cioè nella struttura e nella organizzazione dei processi e dei sistemi informatici di supporto. È questo snodo che impedisce di creare servizi più evoluti e di eliminare quelli che sono in realtà gli adempimenti che l’amministrazione ribalta sui cittadini. Nel Programma Nazionale di Riforma presentato dal Governo questi temi sono uno dei 5 assi e di questo si occupa anche il Decreto semplificazione in questi giorni all’esame del Parlamento. Buone notizie, lascito della urgenza del cambiamento che il Covid ha fatto emergere.

Naturalmente a proposito di digitalizzazione della P. A. occorrera’ fare i conti con l’analfabetismo digitale e con l’esclusione di parte del paese dalla connessione digitale. Non come alibi per ritardare i cambiamenti, ma come motivazione per accelerare gli investimenti in entrambe le direzioni.

D’altra parte anche l’età media dei più di 3 milioni di lavoratrici e lavoratori pubblici supera i 50 anni, come esito dei ripetuti blocchi del turn over, con ricadute sulle loro competenze informatiche. Qualche giorno fa Pietro Ichino ha commentato provocatoriamente il prolungamento dello Smart working per il 50 per cento dei lavoratori del pubblico impiego. Per gli effetti negativi a suo dire sulla qualità e quantità del lavoro. Tema sicuramente da approfondire perché non c‘ e’ dubbio che la scelta dello Smart working, fuori dal lockdown, deve essere correlata a cambiamenti organizzativi e a un ruolo appropriato della dirigenza. Se si trattasse semplicemente di compiti esecutivi svolti da remoto piuttosto che di lavoro per obiettivi, il problema non sarebbe lo strumento, ma l’impostazione e il ruolo della dirigenza. Senza dimenticare, a proposito di dirigenza, necessità di trasparenza negli accessi e nelle carriere e utilità della autonomia dalla politica. A proposito di qualità, i vertici più importanti nella Pubblica amministrazione sono ancora occupati prevalentemente da uomini. E non è un bene.

* Presidente di LED, Libertà e Diritti

 

Ultime News

Articoli Correlati