Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Cartabia bacchetta il Palazzo: “La Consulta non fa politica. I miei richiami alla Costituzioni sono dovuti””

La presidente della Consulta chiarisce le sue parole: "Dire che in Italia non esiste un stato di eccezione è una affermazione quasi ovvia, che qualsiasi professore direbbe ai suoi studenti già nel primo anno del suo corso di insegnamento"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La Consulta non fa politica e men che meno la fa il presidente della Corte Costituzionale. Tiene a precisarlo la presidente Marta Carta dopo le “letture politiche” della relazione annuale sull’attività della Corte, sul fatto che non esista in Italia un diritto speciale in caso di emergenza – come lo è dal punto di vista sanitario ed economico l’attuale pandemia da coronavirus – e che le linee-guida cui tutti devono uniformarsi sono quelle previste e tracciate dalla Costituzione repubblicana, da considerare come l’autentica e insostituibile “bussola” per navigare in questo periodo particolare della vita delle istituzioni e dei cittadini italiani.

La presidente della Corte Costituzionale si dice “davvero sorpresa e dispiaciuta che il mio richiamo a ripartire dal fondamento dell’ordinamento giuridico che è la Costituzione abbia potuto essere speso in riferimento a singoli aspetti politici del momento o a singole contese di tipo politico che erano in corso. Trovo che sia davvero inappropriato attribuire al presidente della Corte Costituzionale l’intendimento di scendere nell’agone politico”. “Se c’è una virtù, un principio, che un giudice costituzionale in generale ma un presidente della Consulta in modo particolare tiene a preservare, è proprio quello di essere super partes, essendo chiamati a giudicare le leggi del Parlamento e i conflitti fra poteri. Prima ancora che un dovere, è una prerogativa per preservare la propria indipendenza e la propria libertà. Sarebbe gravissimo se un presidente volesse entrare nella discussione politica per giudicare se le azioni del Governo vanno bene o non vanno bene”. Insomma, dopo giorni di polemiche e citazioni avventate, la presidente della Corte Costituzionale ribadisce l’assoluta autonomia della Consulta parlando di fraintedimenti: “Era un richiamo ai principi, non una applicazione di quei principi a casi concreti”. Quanto al fatto che in Italia non esista uno “stato di eccezione”, per la presidente della Consulta non è altro che “una affermazione quasi ovvia, che qualsiasi professore direbbe ai suoi studenti già nel primo anno del suo corso di insegnamento”.

Ultime News

Articoli Correlati