Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

L’unico vaccino che esiste

La strada davanti a noi per risalire la china sarà lunga e dolorosa. Ma se le cose stanno così, perché c’è un affannarsi ad avvicinare l’avvio della cosiddetta Fase 2, quella della progressiva ripartenza del Paese?
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, dice di non essere in grado di indicare una data per quando si tornerà alla normalità. Il Commissario straordinario Domenico Arcuri spiega che i facili ottimismi vanno messi nel cassetto: «Non siamo a pochi passi dall’uscita dall’emergenza, non siamo a pochi passi da un’ipotetica ‘ora x’ che ci riporterà alla situazione di prima».

Insomma la strada davanti a noi per risalire la china sarà lunga e dolorosa. Ma se le cose stanno così, perché c’è un affannarsi ad avvicinare l’avvio della cosiddetta Fase 2, quella della progressiva ripartenza del Paese? E’ solo il frutto del pressing delle aziende, o magari il risultato della stanchezza degli italiani di stare chiusi a casa? Più passano i giorni, più le comunicazioni – ufficiali o ufficiose che siano – si affastellano, più si capisce che qualcosa non quadra. E’ come se fosse in atto un neanche tanto sotterraneo gioco al rimpallo. L’autorità politica chiede numi e aiuto agli scienziati per capire quando l’epidemia rallenterà. Gli scienziati non si sbottonano ma tagliano corto: le decisioni toccano alla politica, non a noi. Scartiamo fin da subito come malevola e campata in aria l’idea che governo e maggioranza (ma anche l’opposizione) non sappiano cosa fare. E che la prudenza di palazzo Chigi sia lo scudo dietro il quale albergano incertezza e insicurezza.

Siamo di fronte ad una vicenda che una volta tanto non è retorico definire epocale: risulta sommamente ingiusto non tenerne conto e non valutare le enormi difficoltà da affrontare. Ma proprio perché epocale, la pandemia costringe ad agire con determinazione e linearità d’azione. Anche a costo di sbagliare. La Fase 2 non è un optional, è un obbligo. Non è possibile tenere un Paese avanzato in regime di lockdown troppo a lungo perché i vantaggi sanitari presto sarebbero sommersi da insofferenze sociali e voragini economiche. Bisogna ripartire, e l’Italia che è stato il primo e più colpito Paese dal Covid-19, più di tutti deve saper reagire. Ma questo significa una cosa sola: che bisogna scegliere.

Soprattutto ora che i contagi sembrano perdere forza. Scegliere di dire la verità e di varare misure che comportano rischi. In attesa di quello che fuoriuscirà dai laboratori, è questo il vaccino – l’unico – di cui disponiamo. Guai a non usarlo.

Ultime News

Articoli Correlati