Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

La stretta della procura di Milano: “Denuncia per chiunque passeggi senza motivo”

Tribunale di Milano
"Ogni denuncia per inosservanza dei provvedimenti dell'Autorità, a carico di coloro che vanno in giro in città senza un comprovato motivo, sarà valutata"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La Procura di Milano sceglie la linea dell’intransigenza nei confronti di chi viola le norme sull’emergenza Coronavirus: “Ogni denuncia per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, a carico di coloro che vanno in giro in città senza un comprovato motivo, sarà valutata, caso per caso, e in caso di dolo, o anche solo di colpa, si infliggerà un decreto penale di condanna, che resta come un precedente penale”.

A Milano come in molte grandi città italiane, infatti, continuano a giungere i procura segnalazioni di violazioni delle regole. Comportamenti che, come sottolinea la procura, “sono reati e come tali vanno puniti”.

La gestione di questi reati, infatti, non è semplice. A creare problemi, in fatti, è la qualificazione delle condotte.

Il problema è stato sollevato ieri dalla Procura di Genova, che invece ha adottato una linea opposta rispetto a Milano, stabilendo che l’unico reato su cui si concentrerà (oltre alla violazione dell’art. 650 cp, «inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità») è il 495 cp, «falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri», integrato esclusivamente dalle false attestazioni aventi ad oggetto l’identità lo stato od altre qualità della persona e dunque non sulle motivazioni degli spostamenti.

APPROFONDIMENTO | La decisione della procura di Genova, il reato di “passeggiata” non esiste

Ultime News

Articoli Correlati