Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Friday for future, un milione in piazza in tutta Italia per il clima

Terzo sciopero globale contro i cambiamenti climatici. Le strade italiane invase dalla marea verde composta da ragazzi e ragazze. La paura per un futuro in pericolo e la spinta data da Greta Thumberg
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Un’onda verde che ha invaso le strade italiane, il terzo sciopero globale contro i cambiamenti climatici è riuscito in pieno. Arrotondando per difetto forse sono stati un milione mezzo i ragazzi, ma anche i meno giovani, scesi in piazza ieri. Fridau for Future, il movimento lanciato solo pochi anni fa dalla protesta di Greta Thumberg è ormai una realtà. I numeri parlano chiaro, 200mila a Roma, 150mila a Milano, altre migliaia a Torino, Napoli, Bologna, Palermo, Firenze.

Il sentimento dominante delle manifestazioni è stata la voglia di riappropriarsi di un futuro messo in dubbio dalla distruzione dell’ambiente da gli eventi catastrofici dal punto di vista climatico che si stanno verificando.

Il discorso di Greta al vertice Onu di pochi giorni fa, con la sua indignazione e nettezza, ha avuto grande influenza per una presa di coscienza che si è tradotta nelle proteste di ieri. «Greta come sempre è stata molto dura ma ha avuto assolutamente ragione. Io sposo in pieno le sue parole ma è di questo che si tratta. Ci hanno rubato la nostra infanzia, sono scesi in piazza addirittura i bambini. Basta con i combustibili fossili, basta con la deforestazione, basta con un’economia che bada solo al profitto. Noi vogliamo un’economia circolare, energia 100% rinnovabile» dice Riccardo Nanni di Friday for Future a Roma.

Nella capitale, nel corteo partito da Piazza della Repubblica, i ragazzi hanno dato sfogo alla creatività con striscioni e cartelli dal tono serio e ironico. Dal classico “Non rompeteci il clima” a “diritto al futuro”, “stop emissioni”, fino ad un divertente “vi siete goditi le stelle e ci avete lasciato un cielo a pecorelle”. L’atmosfera colorata e gioiosa dietro al camion di testa che sparava musica.

A Milano l’aria che si è respirata è stata simile, la manifestazione, iniziata da Piazza Cairoli e conclusasi a Piazza del Duomo, si è riempita di studenti fin da mattina presto. In maggioranza studenti ma anche genitori con bambini piccoli e organizzazioni ambientaliste. Anche qui è salita forte la richiesta per un cambiamento sull’uso dei combustibili fossili.

Copione simile a Napoli, Firenze e Torino e in molti altri capoluoghi. A questo proposito ci sono da registrare le parole del presidente del Consiglio Giuseppe Conte che ha commentato così le immagini delle manifestazioni: «Sono straordinarie le immagini delle piazze di #fridaysforfuture, con così tanti giovani che partecipano con tale passione. Da parte mia e del Governo c’è il massimo impegno a tradurre questa richiesta di cambiamento in soluzioni concrete. Abbiamo tutti una grande responsabilità»

Ultime News

Articoli Correlati