Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Si suicida Fidelito, il figlio triste del lider maximo

Faceva lo scienziato, il padre lo accusò di "incompetenza" (non riuscì a costruire una centrale nucleare) ma fu sempre protetto da zio Raul
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Non deve essere stata una vita felice quella di Fidel Castro Diaz- Balart, primogenito del lider maximo. “Fidelito”, come lo chiamavano i cubani per via della grande somiglianza con il padre, si è suicidato all’età di 68 anni, 14 mesi dopo la scomparsa del suo illustre genitore. Soffriva di una «profonda depressione», dicono da l’Avana e avrebbe compiuto il gesto estremo nella stanza di ospedale dove era ricoverato da mesi. La notizia è filtrata con discrezione, la morale cattolica e quella castrista si incontrano nel condannare il suicidio, gesto empio e deviazione piccolo- borghese, ma entrambe non possono che tacere davanti alla tragedia di un uomo mite, che ha incarnato l’anima triste del regime. Ha occupato poltrone importanti nel campo della scienza e della cultura, ma solo perché aveva il nome che aveva, una decorazione malinconica, cosciente del suo poco talento e del suo carattere troppo docile.

Nato il 1 settembre 1949 dal matrimonio di Castro con Mirtha Diaz- Balart una ragazza benestante di l’Avana, dopo il divorzio Fidelito ha vissuto con la madre per alcuni anni; Fidel impegnato nella lotta armata e poi nella rivoluzione non aveva tempo per occuparsi di lui, ma all’inizio degli anni 60 decide di recuperare il tempo perduto. Con la famiglia dell’ex moglie i rapporti sono pessimi, questioni personali ma anche politiche, due cugini di Fidelito Lincoln e Mario Diaz- Balart emigreranno negli Usa dove sono stati adirittura eletti al Congresso nelle fila dei repubbliani. Dopo il diploma in scienze Fidelito viene spedito a Mosca dove frequenta la celebre facoltà di fisica nucleare all’Università Lomonossov e l’istituto di energia atomica Kurchatov, nella capitale russa conosce Natasha Smirnova, che sposerà e con cui avrà tre figli. Al ritorno a Cuba il padre gli affida un progetto ambizioso, la costruzione della centrale nucleare di Juragua, sulla costa meridionale dell’isola in cooperazione con gli ingegneri sovietici. Il reattore doveva essere simile a quello di Chernobyl ma con un design diverso, la sua costruzione ( avviata nel 1983) però non venne mai terminata, il progetto fu abbandonato in corso d’opera con oltre il 40% delle macchine pesanti già installate. Fidelito venne ritenuto responsabile del flop e fu accusato di «incompetenza» dal giornale del partito Granma e da suo stesso padre che lo mette per un po’ di tempo ai margini della vita pubblica.

A stargli vicino in quei momenti difficili di solitudine è lo zio Raul, oggi presidente di Cuba e all’epoca capo delle forze armate con il quale Fidelito ha sempre avuto scambi affettuosi. Terminato il purgatorio e “raccomandato” da Raul ottiene la prestigiosa nomina alla vicepresidenza dell’Accademia delle scienze cubane grazie alla quale viaggia ai quattro angoli del pianeta partecipando a meeting e conferenze. Poca, pochissima ricerca, tanta fatua rappresentanza, è il periodo della “dolce vita” e delle frequentazioni chic, come la modella Naomi Campbell e l’ereditiera Paris Hilton con le quali viene immortalato dai paparazzi in una discoteca dell’Avana attirandosi i malumori di diversi membri della nomeklatura. Nel 2008, quando sostituisce Raul prende il potere, lo chiama vicino a sé al Consiglio di Stato, un’altra carica simbolica che Fidelito vive con distacco, evidentemente già colpito dalla depressione.

 

Ultime News

Articoli Correlati