Il Dubbio di oggi

Il Dubbio del lunedì

Addio all’avvocato Randazzo, custode del Giusto Processo

L'avvocato Ettore Randazzo
Scompare a 68 anni l'ex presidente dell'Unione Camere penali: ha continuato fino all'ultimo a battersi contro lo snaturamento del modello accusatorio attraverso l'associazione “Lapec”, luogo di confronto che ha unito avvocati e magistrati
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

È morto oggi a Siracusa, a 68 anni: con Ettore Randazzo scompare non solo uno dei più noti penalisti italiani, ma una figura che si è battuta con passione per difendere il significato più autentico del modello processuale accusatorio: l’effettiva parità nel contraddittorio davanti al giudice terzo. Non a caso è stato fino all’ultimo presidente di “La. p. ec.”, il “Laboratorio per l’esame e il controesame e il Giusto processo”, luogo di studio e di elaborazione culturale divenuto un riferimento per gli studiosi del diritto e capace di unire avvocati e magistrati. Insieme con altri colleghi, il professionista siracusano aveva fondato l’associazione nel 2008.

Ricordato per la statura professionale come per l’impegno nella dottrina, Ettore Randazzo è stato presidente dell’Unione Camere penali per due consiliature consecutive, dal 2002 al 2006. Si è occupato molto anche di deontologia, oggetto tra gli altri di un importante volume pubblicato per Sellerio, “L’avvocato e la verità”.

Ultime News

Articoli Correlati